Spesso siamo portati a percorre gli stessi passi di montagna, più per abitudine che per il vero piacere di farlo. Solita strada, solita foto davanti al bar del passo.

Nulla di male. Ognuno vive la propria passione come meglio crede. Ma la curiosità che anima ogni viaggiatore porta a scoprire nuovi luoghi è ciò quanto di meglio si possa fare in sella alla propria moto.

Non c’è bisogno di andare dall’altra parte del globo, a volte basta semplicemente puntare il muso della propria moto dalla parte opposta alla solita.

Questo itinerario che ci ha portati al Passo del Vestito, ad esempio, può dare molte soddisfazioni in fatto di buona strada, specialmente in alcuni tratti, ma soprattutto regala dei bellissimi panorami.

Il valico raggiunge la quota di 1151 m s.l.m., e attraversa le bellissime Alpi Apuane che collega Massa con Castelnuovo Garfagnana, in provincia di Lucca.

Clic sulla mappa per aprire l’itinerario in Google Maps

Noi, in questo caso abbiamo percorso l’intero itinerario su strade asfaltate, vuoi per le moto che abbiamo utilizzato, pesanti e poco adatta al tipo di fuoristrada di questi luoghi, vuoi anche perché alle volte anche l’asfalto non ci dispiace affatto.

Proprio il manto stradale, almeno in alcuni punti, non è dei migliori soprattutto in prossimità del Lago di Isola Santa. I chilometri tra Castelnuovo Garfagnana e Massa non sono molti, circa una quarantina, ma possiamo garantire sulla bellezza del panorama che vi accompagnerà durante questo tragitto.

Abbiamo scelto come punto di partenza San Pellegrino in Alpe, un grande classico per i motociclisti. Ma invece di fermarvi solamente sulla strada per un caffè, prendetevi 10 minuti per andare a vedere il panorama dal Santuario. Un gran bel punto d’osservazione su tutta la vallata della Garfagnana, sino alle Alpi Apuane. Considerato che ci troviamo a 1525 mslm in estate è un ottima occasione per rinfrescarsi. 

Proseguiamo in direzione Castelnuovo di Garfagnana percorrendco la SP13.

Bisogna porre molta attenzione alla guida: in alcuni punti la carreggiata è particolarmente stretta. Lungo il tragitto si arriva a costeggiare il Lago di Isola Santa, ed è consigliabile fare due passi per visitare l’Antico Borgo di Isola Santa. E’ possibile parcheggiare la moto lungo la strada.

Borgo Isola Santa

La nostra parte preferita arriva qualche chilometro più avanti, dopo il lago. La suggestiva cava di marmo di Henraux

Già accedervi è un’emozione: si attraversa una apertura di forma geometrica che porta all’interno di un imponente anfiteatro in marmo.

La cava è ormai abbandonata, ma è frequentata da chi, come noi, trova questo posto straordinario. Ci è capitato di vederla utilizzare come location per shooting fotografici e numerosi sono i murales dipinti (alcuni belli altri meno) ma comunque il posto è stato rispettato dai numerosi visitatori, dato che lo troviamo sempre pulito ed in ordine.

Evidentemente questo luogo sta a cuore a molti.


Ristorante Le Gobbie

Se nel frattempo vi è venuto appetito potete fermarvi al ristorante Le Gobbie.

Un bel locale molto spartano ma con una buona cucina casareccia. E’ possibile mangiare all’aperto in uno spazio ombreggiato sulle classiche panche di legno.

Per chi vuole ripartire in fretta è anche possibile farsi fare un panino e consumarlo sul posto.


Dopo pranzo il nostro itinerario prosegue verso il Passo del Vestito e subito si trova una galleria senza illuminazione (attenzione), ma che sbocca su una bellissima visuale sul mare Tirreno mentre alla destra in basso fa mostra di sé una maestosa cava di marmo.

E’ d’obbligo una sosta per lasciarsi affascinare dal panorama e per scattare qualche foto.

Saziati gli occhi continuiamo lungo la Via dei Colli per puntare verso Massa.

Diversi sono i punti panoramici, e non manca qualche bel tornante abbastanza ampio per divertirsi e farsi foto a vicenda, ovviamente sempre in sicurezza.

Su quello più bello, da cui si gode una fantastica vista sul mare, troverete la scritta  “Passo del Vestito” direttamente su una roccia. Non aspettatevi quindi il solito cartello stradale su cui attaccare l’adesivo del vostro MotoClub.

Per quelli che non si sono fermati a mangiare al ristorante può essere una bella idea proseguire per qualche chilometro ed andare a mangiare una bella frittura di pesce sul mare.

La gallery completa.